Notizie, Sentenze, Articoli - Avvocato Penalista Trapani

Notizia

Non punibilità. Art. 131 bis c.p.
Non punibilità. Art. 131 bis c.p.
il risarcimento del danno promosso nei confro
nti del condannato e del
responsabile civile che sia stato citato ovvero sia intervenuto nel
processo penale.
2. La stessa efficacia ha la sentenza irrevocabile di
proscioglimento pronunciata per particolare tenuita' del fatto a
nor
ma dell'articolo 442, salvo che vi si opponga la parte civile che
non abbia accettato il rito abbreviato.».
Art. 4
Modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre
2002, n. 313, recante testo unico
delle disposizioni legislative e
regolamentari in materia di casellario giudiziale, di anagrafe
delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi
carichi pendenti
1. Al testo unico delle disposizioni legislative e regola
mentari in
materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni
amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti di
cui al decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre 2002, n.
313, sono apportate le seguenti mod
ificazioni:
a) all'articolo 3, comma 1, lettera f), dopo le parole: «misura
di sicurezza» sono aggiunte le seguenti: «, nonche' quelli che hanno
dichiarato la non punibilita' ai sensi dell'articolo 131
-
bis del
codice penale.»;
b) all'articolo 5, comma 2, dopo la lettera d) e' inserita la
seguente:
«d
-
bis) ai provvedimenti giudiziari che hanno dichiarato la non
punibilita' ai sensi dell'articolo 131
-
bis del codice penale,
trascorsi dieci anni dalla pronuncia;»;
c) all'articolo 24, comma 1, dopo la lettera f) e' inserita la
seguente:
«f
-
bis) ai provvedimenti giudiziari che hanno dichiarato la non
punibilita' ai sensi dell'articolo 131
-
bis del codice penale, quando
la relativa iscrizione non e' sta
ta eliminata;»;
d) all'articolo 25, comma 1, dopo la lettera f) e' inserita la
seguente:
«f
-
bis) ai provvedimenti giudiziari che hanno dichiarato la non
punibilita' ai sensi dell'articolo 131
-
bis del codice penale, quando
la relativa iscriz
ione non e' stata eliminata;».
Art. 5
Disposizioni finanziarie
1. Alle minori entrate derivanti dalle disposizioni di cui
all'articolo 1, valutate in 474.400 euro a decorrere dall'ann
o 2015,
si provvede con quota parte delle minori spese derivanti dal medesimo
articolo 1, pari a 513.342 euro a decorrere dall'anno 2015.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti norma
tivi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi' 16 marzo 2015
Avv. Antonino Sugamele

Richiedi una Consulenza