Sanvitese condannato a due mesi di arresto. Ha svolto un'attività casearia del tutto abusiva in un manufatto: in pessime condizioni igienico-sanitarie (sporcizia, pavimenti e pareti in cemento allo stato grezzo); con diffusa presenza di mosche, che si posavano sui prodotti; con soffitto in lamiera visibilmente sporco; con attrezzature e mobilia del tutto insudiciate, impolverate e coperte da mosche.