Il pubblico ufficiale che non si astiene da un concorso cui partecipa il nipote vincitore commette abuso d'ufficio.