Il visto di censura della corrispondenza tra il detenuto al 41-bis e il suo difensore: la parola passa ai giudici costituzionali.