Chi pratica un tatuaggio ad un soggetto minorenne deve accertarsi che i genitori abbiano dato il proprio consenso, perché in caso contrario risponde del reato di lesioni volontarie potendo ritenersi il tatuaggio una "malattia" che produce un'alterazione delle funzioni sensoriali e protettive della cute della minore.