Sequestro preventivo. No al dissequestro.

avvocato penalista
Sequestro preventivo. No al dissequestro.

Giovedì 9 Gennaio 2014, 22.24

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 10 dicembre 2013 – 8 gennaio 2014, n. 570
Presidente Lombardi – Relatore Lapalorcia

Ritenuto in fatto

1. F.G.C.D. ricorre tramite il difensore avverso l'ordinanza 1-2-2013 con la quale il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha confermato il provvedimento del Gip della stessa sede in data 28-1-2011, di rigetto della richiesta di dissequestro di beni del predetto sottoposti a sequestro preventivo ex art. 12 sexies legge 356/1992.
2. L'ordinanza era emessa in sede di rinvio in quanto un precedente provvedimento di rigetto dello stesso tribunale in data 20-6-2011 era stato annullato da questa corte con sentenza 21-6-2012, sul rilievo che, a fronte di una consulenza di parte in cui si sosteneva la mancanza di sproporzione tra redditi del proposto e beni acquistati, il tribunale reggino aveva, con motivazione apparente, osservato che il contrasto tra l'assunto dell'accusa e quello della difesa sarebbe stato superato attraverso una perizia contabile da espletarsi nel giudizio di merito.
3. Nel provvedimento impugnato si osservava che, anche a considerare alcuni introiti del nucleo familiare del proposto, evidenziati dal consulente dell'indagato e non considerati nell'ordinanza annullata -quali il reddito della madre, insegnante elementare, e il prezzo di Euro 9.500 percepito dalla stessa madre, nel 2004, dalla vendita, con scrittura privata non autenticata, di un garage-, il giudizio di sproporzione non risultava modificato non essendo giustificato l'abbattimento del 15%, operato nella consulenza di parte, dei valori per spesa media mensile necessaria alle ordinarie esigenze di vita della famiglia F. , valori ricostruiti nel provvedimento di sequestro sulla base di precisi parametri (anno di riferimento, dimensioni del nucleo familiare, regione geografica - la Calabria -, il ruolo di imprenditore del F. ).
4. Con unico motivo il ricorrente deduce vizio di motivazione apparente ex art. 606 lett. c) cod. proc. pen. in relazione agli artt. 324 e 321 stesso codice e all'art. 12 sexies legge 356/1992, non avendo il tribunale motivato, se non con clausole di stile, né l'ininfluenza degli ulteriori redditi evidenziati sul giudizio di sproporzione tra entrate ed acquisti effettuati, né il privilegio accordato ai valori per spesa media mensile necessaria alle ordinarie esigenze di vita della famiglia F. , ricostruiti dalla polizia giudiziaria, rispetto a quelli indicati dal consulente tecnico di parte.

Considerato in diritto

1. Il ricorso è infondato e va disatteso.
2. Contrariamente all'assunto dell'impugnante, il provvedimento si sottrae alla censura di violazione di legge per mancanza di motivazione asseritamente determinata da un iter argomentativo solo apparente.
3. Invero il tribunale ha osservato come il CT di parte avesse ritenuto la congruità degli acquisti rispetto alle entrate sia considerando ulteriori redditi della famiglia, in sé peraltro assai modesti - tra i quali la vendita di un garage per circa 9000 Euro con scrittura privata non autenticata -, sia, soprattutto, abbattendo del 15% la spesa di mantenimento del nucleo familiare F. , a fronte della ricostruzione di tale spesa da parte della polizia giudiziaria sulla base di plurimi dati di riferimento, quali l'anno di riferimento, le dimensioni del nucleo familiare (cinque persone), la regione geografica di riferimento, il ruolo di imprenditore del F. . Ricostruzione, quest'ultima, che il tribunale ha privilegiato in quanto ancorata a parametri oggettivi e controllabili, a differenza di quella, comportante un ingiustificato abbattimento del 15%, prospettata dal CT di parte.
4. In presenza di tale motivazione, che non si sostanzia in mere clausole di stile, il ricorso è inaccoglibile essendo l'eventuale vizio motivazionale ex art. 606 lett. e) cod. proc. pen. non deducibile in questa sede ai sensi dell'art. 325, comma 1, stesso codice.
5. Al rigetto del gravame segue la condanna del ricorrente alle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Ultime SENTENZE

2^ Reggimento Trasmissioni Alpino. Insubordinazione con ingiuria pluriaggravata. Sergente Maggiore si rivolge ad un Maresciallo che lo aveva multato all'interno della caserma per avere parcheggiato il veicolo fuori le strisce, con l'espressione .. ti ci puoi proprio pulire il c ...lo ...
Cassazione penale sez. I 09/05/2014 ( ud. 09/05/2014 , dep.05/09/2014 ) Numero: 37214 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE ...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale · Diritto Penale Militare

La notifica degli atti di indagine non viene effettuata all'imputato in caserma, luogo dove svolgeva mansioni di tenente. La nullità delle notifiche travolge l'intero procedimento e la sentenza. La Cassazione accoglie.
Cassazione penale sez. VI Data: 10/06/2014 ( ud. 10/06/2014 , dep.04/07/2014 ) nr. 29345 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE ...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale · Diritto Penale Militare

Tiro a Segno Nazionale, sezione di Ragusa: 3.000 cartucce ricaricate e 40.000 proiettili? Sono troppe per la normativa vigente il manufatto utilizzato per il deposito e la ricarica di munizioni va sequestrato.
Cassazione penale sez. I Data: 17/06/2014 ( ud. 17/06/2014 , dep.08/07/2014 ) Numero: 29672 Intestazione LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE ...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Un militare, nella domanda di arruolamento come volontario nell'esercito italiano, attesta falsamente di non essere sottoposto a procedimenti penali per reati non colposi. Viene assolto, ma la Cassazione annulla la sentenza. Il processo va rifatto, perche il giovane sapeva dell'esistenza del fatt...
Cassazione penale sez. V Data: 24/06/2014 ( ud. 24/06/2014 , dep.10/07/2014) Numero: 30534 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE ...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale · Diritto Penale Militare

Richiedi una Consulenza
Sentenze online
Il tuo nome:

La tua e-mail:

Disciplina:


Leggi LEGGI
Legge di conversione 9 agosto 2013, n. 94
Legge
Disposizioni urgenti in materia di esecuzione della pena. TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 1 luglio 2013, n. 78 Testo del de...
LEGGE 7 febbraio 2013, n. 14 Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Gover...
Legge
LEGGE 7 febbraio 2013, n. 14 Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della...
Norme per l'adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internazionale.
Legge
LEGGE 20 dicembre 2012, n. 237 Norme per l'adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internaz...
Regolamento recante disciplina delle attivita' del Ministero della difesa in materia di lavori, servizi e forniture
Legge
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2012, n. 236 Regolamento recante disciplina delle attivita' del Ministe...
Disposizioni integrative codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove disposizioni in ma...
Legge
DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n...
Servizio Leggi online
Notizie NOTIZIE
Orlando: la stabilizzazione della magistratura onoraria non è compatibile con l'ordinamento.
Notizia
Comunicato stampa del 21 ottobre 2014 del Ministro della Giustizia. Orlando: la stabilizzazione della magistratura onoraria ...
La polizia potra' far uso di telecamerine applicate sul giubbotto. Si dell'Authority.
Notizia
La polizia potrà usare telecamerine sul giubbotto.- L’Authority ha dato parere favorevole alla possibilità per la polizia di f...
Le ferie dei magistrati dal 6 al 31 agosto.
Notizia
DL. 132/2014 Art. 16 Modifiche alla legge 7 ottobre 1969, n. 742 e riduzione delle ferie dei magistrati e degli avvocati e ...
400 posti per Giudici Onorari nelle Corti di appello. Scade il 9 ottobre 2014
Notizia
Ministero della Giustizia Concorso Bando relativo alla procedura per la nomina dei giudici ausiliari di Corte d'Appello, adotta...
Risarcimento per i detenuti che hanno subito un trattamento degradante.
Notizia
Necessità di adeguarsi al dictum della Corte di Strasburgo. Si ricorda che, con la sentenza Torreggiani contro Italia dell’8.1....
Sito progettato e ottimizzato da SEONWEB - Programmed by Alessio Amaro - Tutti i diritti sono riservati - P.IVA: 01480700812