Sequestro preventivo. No al dissequestro.

avvocato penalista
Sequestro preventivo. No al dissequestro.

Giovedì 9 Gennaio 2014, 22.24

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 10 dicembre 2013 – 8 gennaio 2014, n. 570
Presidente Lombardi – Relatore Lapalorcia

Ritenuto in fatto

1. F.G.C.D. ricorre tramite il difensore avverso l'ordinanza 1-2-2013 con la quale il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha confermato il provvedimento del Gip della stessa sede in data 28-1-2011, di rigetto della richiesta di dissequestro di beni del predetto sottoposti a sequestro preventivo ex art. 12 sexies legge 356/1992.
2. L'ordinanza era emessa in sede di rinvio in quanto un precedente provvedimento di rigetto dello stesso tribunale in data 20-6-2011 era stato annullato da questa corte con sentenza 21-6-2012, sul rilievo che, a fronte di una consulenza di parte in cui si sosteneva la mancanza di sproporzione tra redditi del proposto e beni acquistati, il tribunale reggino aveva, con motivazione apparente, osservato che il contrasto tra l'assunto dell'accusa e quello della difesa sarebbe stato superato attraverso una perizia contabile da espletarsi nel giudizio di merito.
3. Nel provvedimento impugnato si osservava che, anche a considerare alcuni introiti del nucleo familiare del proposto, evidenziati dal consulente dell'indagato e non considerati nell'ordinanza annullata -quali il reddito della madre, insegnante elementare, e il prezzo di Euro 9.500 percepito dalla stessa madre, nel 2004, dalla vendita, con scrittura privata non autenticata, di un garage-, il giudizio di sproporzione non risultava modificato non essendo giustificato l'abbattimento del 15%, operato nella consulenza di parte, dei valori per spesa media mensile necessaria alle ordinarie esigenze di vita della famiglia F. , valori ricostruiti nel provvedimento di sequestro sulla base di precisi parametri (anno di riferimento, dimensioni del nucleo familiare, regione geografica - la Calabria -, il ruolo di imprenditore del F. ).
4. Con unico motivo il ricorrente deduce vizio di motivazione apparente ex art. 606 lett. c) cod. proc. pen. in relazione agli artt. 324 e 321 stesso codice e all'art. 12 sexies legge 356/1992, non avendo il tribunale motivato, se non con clausole di stile, né l'ininfluenza degli ulteriori redditi evidenziati sul giudizio di sproporzione tra entrate ed acquisti effettuati, né il privilegio accordato ai valori per spesa media mensile necessaria alle ordinarie esigenze di vita della famiglia F. , ricostruiti dalla polizia giudiziaria, rispetto a quelli indicati dal consulente tecnico di parte.

Considerato in diritto

1. Il ricorso è infondato e va disatteso.
2. Contrariamente all'assunto dell'impugnante, il provvedimento si sottrae alla censura di violazione di legge per mancanza di motivazione asseritamente determinata da un iter argomentativo solo apparente.
3. Invero il tribunale ha osservato come il CT di parte avesse ritenuto la congruità degli acquisti rispetto alle entrate sia considerando ulteriori redditi della famiglia, in sé peraltro assai modesti - tra i quali la vendita di un garage per circa 9000 Euro con scrittura privata non autenticata -, sia, soprattutto, abbattendo del 15% la spesa di mantenimento del nucleo familiare F. , a fronte della ricostruzione di tale spesa da parte della polizia giudiziaria sulla base di plurimi dati di riferimento, quali l'anno di riferimento, le dimensioni del nucleo familiare (cinque persone), la regione geografica di riferimento, il ruolo di imprenditore del F. . Ricostruzione, quest'ultima, che il tribunale ha privilegiato in quanto ancorata a parametri oggettivi e controllabili, a differenza di quella, comportante un ingiustificato abbattimento del 15%, prospettata dal CT di parte.
4. In presenza di tale motivazione, che non si sostanzia in mere clausole di stile, il ricorso è inaccoglibile essendo l'eventuale vizio motivazionale ex art. 606 lett. e) cod. proc. pen. non deducibile in questa sede ai sensi dell'art. 325, comma 1, stesso codice.
5. Al rigetto del gravame segue la condanna del ricorrente alle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Ultime SENTENZE

Usa il tapis roulant per la sua forma fisica e disturba solo gli occupanti dell'appartamento al piano sottostante. Non è reato.
Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 7 marzo – 24 aprile 2014, n. 17725 Presidente Chieffi – Relatore La Posta Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del 14.11.2012 il Tribunale di Pesca...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Minorenne accoltella un ragazzo solo perchè aveva importunato alcune ragazze del gruppo dei suoi amici. Le ferite inferte al torace, alle braccia e all'addome non lasciano dubbi: l'imputato voleva uccidere.
Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 27 febbraio – 23 aprile 2014, n. 17647 Presidente Siotto – Relatore Caprioglio Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del 13.12.2012, la corte d'appe...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Rivolge a due appartenenti alla polizia municipale le espressioni oltraggiose, ma non c'è la prova della presenza di altre persone oltre i tre soggetti coinvolti. Sentenza di condanna annullata.
Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 16 – 23 aprile 2014, n. 17688 Presidente De Roberto – Relatore Citterio Considerato in fatto 1. La Corte d'appello di Trieste con sentenza deli...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Cliente accusa il suo avvocato di essere “un raro esempio di deontologia professionale”, “di aver pensato solo ai soldi”, minacciando di rivolgersi all’Ordine Forense oltre che alla stampa. Lesa l’onorabilità e la dignità del professionista.
Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza 9 – 18 aprile 2014, n. 17350 Presidente Esposito – Relatore Iannelli Fatto e diritto -1- G.R. , già condannato dal tribunale di Rossano in data...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Richiedi una Consulenza
Sentenze online
Il tuo nome:

La tua e-mail:

Disciplina:


Leggi LEGGI
Legge di conversione 9 agosto 2013, n. 94
Legge
Disposizioni urgenti in materia di esecuzione della pena. TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 1 luglio 2013, n. 78 Testo del de...
LEGGE 7 febbraio 2013, n. 14 Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Gover...
Legge
LEGGE 7 febbraio 2013, n. 14 Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della...
Norme per l'adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internazionale.
Legge
LEGGE 20 dicembre 2012, n. 237 Norme per l'adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internaz...
Regolamento recante disciplina delle attivita' del Ministero della difesa in materia di lavori, servizi e forniture
Legge
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2012, n. 236 Regolamento recante disciplina delle attivita' del Ministe...
Disposizioni integrative codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove disposizioni in ma...
Legge
DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n...
Servizio Leggi online
Notizie NOTIZIE
La Corte Costituzionale eleva la soglia di punibilità a 103.291,38 euro per i fatti anteriori al 17 settembre 2011.
Notizia
Corte Costituzionale, sentenza 7 – 8 aprile 2014, n. 80 Presidente Silvestri – Redattore Frigo Sentenza nei giudizi di l...
Spese processuali penali forfettarie: determinazione degli importi
Notizia
L’entrata in vigore del d.m. n 111/2013 [1] aveva creato non poche problematiche interpretative di cui avevamo dato notizia in...
Ospedali psichiatrici giudiziari.
Notizia
DECRETO - LEGGE 31 marzo 2014, n. 52; G . U . 1 aprile 2014, 76 Disposizioni urgenti in materia di superamento degli ospedali...
Ex Ministro del Turismo, Brambilla, accusata di peculato per avere utilizzato un elicottero dell'arma dei Carabinieri...
Notizia
La Camera nega l’autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro del Turismo. I fatti contestati risalgon...
È stato pubblicato in G.U. n. 67 il d.l. n. 36/2014 che reintroduce la distinzione tra droghe leggere e pesanti.
Notizia
Le tabelle. Anche con questo nuovo decreto, rimane la distinzione tra droghe leggere e pesanti. Nel primo gruppo rientra, ora, ...
Sito progettato e ottimizzato da SEONWEB - Programmed by Alessio Amaro - Tutti i diritti sono riservati - P.IVA: 01480700812