Fa istanza per essere assunto quale responsabile lavori pubblici e attesta di non avere precedenti penali. Accortosi dell'errore l'indomani redige atto scritto con motivazioni. La Cassazione annulla condanna. 483 cp

avvocato penalista
Fa istanza per essere assunto quale responsabile lavori pubblici e attesta di non avere precedenti penali. Accortosi dell'errore l'indomani redige atto scritto con motivazioni. La Cassazione annulla condanna. 483 cp

28 Maggio 2012,

Corte di Cassazione Sez. Quinta Pen. - Sent. del 22.05.2012, n. 19325

Presidente Grassi - Relatore Bruno

Svolgimento del processo

Con la sentenza indicata in epigrafe il Tribunale di Napoli - sezione distaccata di Ischia dichiarava G.G. colpevole del reato di cui all’art. 483 c.p. perché, in occasione della selezione per l’assunzione di un responsabile del servizio lavori pubblici presso il Comune di Casamicciola, aveva reso mendaci dichiarazioni sulle sue qualità morali, affermando di non avere riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso e, per l’effetto, lo condannava alla pena ritenuta di giustizia.
Avverso la pronuncia anzidetta il difensore ha proposto ricorso per cassazione, affidato alle ragioni di censura indicate in parte motiva.

Motivi della decisione

1. - Con unico motivo di impugnazione, parte ricorrente denuncia violazione dell’art. 600 lett. e) sul rilievo che, per mero errore, l’imputato aveva apposto sul questionario la falsa attestazione, emendata il giorno immediatamente successivo con apposita comunicazione, dopo essersi reso conto dell’errore compiuto in assoluta buona fede.
2. - Una sintetica puntualizzazione della fattispecie costituisce necessaria premessa all’esame della questione di diritto posta dal ricorso in oggetto.
È stato incontestatamente accertato dai giudici di merito che l’imputato, intendendo partecipare a procedura concorsuale di selezione per l’assegnazione di un posto di responsabile amministrativo, ha compilato il richiesto questionario allegato alla domanda attestando, contrariamente al vero, di non avere precedenti penali a suo carico. Alla domanda, presentata il 21.12.2007 ha fatto seguito, il giorno immediatamente successivo, una dichiarazione con la quale il G. rappresentava all’Amministrazione l’errore nel quale era incorso, fornendone anche puntuale giustificazione. Il giudice a quo ha ritenuto che tale successiva comunicazione non valesse ad elidere il significato penale della condotta e, dunque, la sussistenza del fatto-reato in contestazione, ravvisando anzi nell’iniziativa anzidetta una conferma della consapevolezza dell’imputato in ordine alla falsa attestazione.
2.1 - Tale interpretazione non può essere condivisa. Ed invero, alla luce delle perspicua formulazione dell’art. 483, c.p. (peraltro chiaramente rubricato: falsità ideologica contessa da privato in atto pubblico) il reato di cui all’art. 483 c.p. é perfezionato dalla condotta di chi attesti falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità. Il momento consumativo dello stesso reato, stante la finalizzazione dell’attestazione privata ad essere trasfusa in un atto pubblico, deve essere individuato non già nel momento della inveritiera dichiarazione quanto piuttosto nella relativa percezione da parte del pubblico ufficiale che la trasfonde nell’atto pubblico (cfr., Cass. sez. 5, 5.2.2008, n. 10046, rv. 239123).
2.2 - Orbene, nel caso di specie, è emerso che il giorno successivo alla mendace dichiarazione l’imputato - ancor prima che la detta dichiarazione fosse valutata e trasfusa in atto pubblico di conferimento dell’incarico, ha rappresentato all’Amministrazione l’errore in cui era incorso, ritrattando, comunque, la precedente dichiarazione in tempo utile e, di certo, prima che la stessa fosse trasfusa in eventuale atto di conferimento dell’incarico. Donde l’insussistenza del fatto-reato in contestazione.
3. - L’anzidetto errore di giudizio è ragione di nullità della sentenza impugnata, che va, dunque, dichiarata nei termini di cui in dispositivo.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il fatto non sussiste.

Ultime SENTENZE

Quando deve ritenersi immesso nel mercato un prodotto? Quando viene reso disponibile per la prima volta.
Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 11 novembre 2014 – 14 aprile 2015, n. 15235 Presidente Fiale – Relatore Aceto Ritenuto in fatto 1. Il sig. A. P. ricorre per l'annullamento de...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Cancello non funziona ed il cane fugge dal giardino. Aggrediti due uomini.
Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 19 marzo – 15 aprile 2015, n. 15713 Presidente Brusco – Relatore Piccialli Ritenuto in fatto Il Procuratore generale presso la Corte di appello...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Ricorso in Cassazione è inammissibile. La pena è comunque illegale. Quali rimedi? Questione alle sezioni unite.
Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 27 marzo – 14 aprile 2015, n. 15233 Presidente Lombardi – Relatore Caputo Ritenuto in fatto 1. Con sentenza deliberata il 05/03/2014, la Corte d...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Prodotti biologici falsi: l'Iva ed i costi dei beni sono confiscabili.
Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 11 novembre 2014 – 14 aprile 2015, n. 15249 Presidente Fiale – Relatore Aceto Ritenuto in fatto 1. Con ordinanza del 19/02/2014, il Tribunale ...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Penale

Richiedi una Consulenza
Sentenze online
Il tuo nome:

La tua e-mail:

Disciplina:


Leggi LEGGI
Legge di conversione 9 agosto 2013, n. 94
Legge
Disposizioni urgenti in materia di esecuzione della pena. TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 1 luglio 2013, n. 78 Testo del de...
LEGGE 7 febbraio 2013, n. 14 Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Gover...
Legge
LEGGE 7 febbraio 2013, n. 14 Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della...
Norme per l'adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internazionale.
Legge
LEGGE 20 dicembre 2012, n. 237 Norme per l'adeguamento alle disposizioni dello statuto istitutivo della Corte penale internaz...
Regolamento recante disciplina delle attivita' del Ministero della difesa in materia di lavori, servizi e forniture
Legge
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2012, n. 236 Regolamento recante disciplina delle attivita' del Ministe...
Disposizioni integrative codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove disposizioni in ma...
Legge
DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n...
Servizio Leggi online
Notizie NOTIZIE
Non punibilità. Art. 131 bis c.p.
Notizia
il risarcimento del danno promosso nei confro nti del condannato e del responsabile civile che sia stato citato ovvero sia in...
Voto di scambio. Nuove norme.
Notizia
Benefici penitenziari esclusi. L’introduzione dell’art. 416 ter c.p. da parte della l. n. 62/2014 aveva determinato la punibili...
Cooperazione giudiziaria. Banca dati del DNA: è questione di mesi.
Notizia
Ultimi passi. Dopo alcuni anni dall’adesione dell’Italia al Trattato siglato a Prüm nel 2005, si assiste ad un’accelerazione ne...
Nuove regole sulla difesa d’ufficio.
Notizia
Decreto Legislativo 30 gennaio 2015, n. 6; G.U. 5 febbraio 2015, n. 29 Riordino della disciplina della difesa d'ufficio, ai s...
4 posti al laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA, con sede in Roma.
Notizia
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIARIO Pubblicazione del diario delle prove scritte del concorso pubblico, per esami, per il...
Sito progettato e ottimizzato da SEONWEB - Programmed by Alessio Amaro - Tutti i diritti sono riservati - P.IVA: 01480700812