Menu e surgelati. Frode in commercio.

Frode nell'esercizio del commercio - Sussistenza del reato - Presupposti - Esibizione lista alimenti non indicati come surgelati - ConfigurabilitÓ del tentativo.

Frode nell'esercizio del commercio - Sussistenza del reato - Presupposti - Esibizione lista alimenti non indicati come surgelati - ConfigurabilitÓ del tentativo.
La lista delle vivande consegnata agli avventori o sistemata sui tavoli di un ristorante equivale ad una proposta contrattuale nei confronti dei potenziali clienti e manifesta l'intenzione del ristoratore di offrire i prodotti indicati nella lista. Da ci˛ ne deriva che anche la mera disponibilitÓ di alimenti surgelati, non indicati come tali nel men¨, nella cucina di un ristorante, configura il tentativo di frode in commercio, indipendentemente dall'inizio di una concreta contrattazione con il singolo avventore.
ĽCorte di cassazione, sezione III penale, sentenza 1░ febbraio 2018 n. 4735

Newsletter

Vuoi ricevere ogni giorno nella tua casella e-mail l'ultima sentenza della Corte Suprema di Cassazione della disciplina prescelta?

Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la newsletter giornaliera del nostro sito. Indicando la disciplina, riceverai unicamente notizie relative alla disciplina selezionata.

Potrai disiscriverti in ogni momento tramite un link presente in ciascuna newsletter che ti invieremo.

Social network

Dove siamo