Trapanese gravemente indiziato di fare parte di Cosa Nostra. E' accusato di avere coadiuvato i capi mafia nella direzione ed organizzazione delle attività illecite del mandamento mafioso di Trapani, tra le quali il procacciamento dei voti in occasione delle consultazioni elettorali mantenendo, attraverso lo scambio di comunicazioni, nonché il collegamento costante con altri associati, anche di altri contesti territoriali, assicurando attività di mediazione per la composizione di controversie anche economiche.