La Procura di Trapani impugna provvedimento nanti la Corte Suprema. Si tratta della complessa indagine che ruota intorno alle condotte criminose contestate in via provvisoria ad un deputato dell'assemblea della regione Sicilia, ritenuto al centro di un complesso intreccio di relazioni criminali, finalizzato alla consumazione di vari reati contro la pubblica amministrazione - fra i quali l'abuso d'ufficio - favoriti ed innestati su di una loggia massonica segreta operante in Castelvetrano, promossa dallo stesso deputato per condizionare il funzionamento e l'indirizzo politico di organi costituzionali e di rilevanza costituzionale, nonchè di apparati della pubblica amministrazione statale e degli enti locali.