Trapani. Architetto condannato in primo grado per avere redatto la parcella con voci di spesa che non spettavano. I reati contestati erano: tentativo di violenza privata, esercizio arbitrario delle proprie ragioni e appropriazione indebita.