I Carabnieri suonano il campanello due volte per verificare la presenza in casa del detenuto agli arresti domiciliari. Se questi non risponde è legittimo l'aggravamento della misura cautelare con il carcere.